Rinascimento Virtuale, Ottobre 2008

lunedì, ottobre 27, 2008

http://2lifecast.top-ix.org/qt-rec/2lbarcamp2/media/barcamp2_STP.mov

Second Life Barcamp: i video!

ecco qui la registrazione della giornata. Non è editato dunque ci sono un po’ di tagli qua e la e l’audio a volte viene sommerso dal rumore ambientale… comunque eccola qui!

parte 1
parte 2
http://www.slcamp.info/

nella seconda metà della parte 2
l’Altro BarCamp (dalle Stalle alle Stelle)
condotto da Papper Papp
aka Paola Pandolfini, con la partecipazione di

shellina winkler
mila tatham

postato da: suburbia alle ore 27/10/2008 23:06 | Permalink | commenti
categoria:firenze, virtuale, rinascimento, second life, barcamp
lunedì, ottobre 27, 2008

GENIO E FOLLIA. IL GIORNO E LA NOTTE DELL’ARTISTA

Gennaio 2009

La mostra, realizzata in collaborazione con il Comune di Siena, è curata da Vittorio Sgarbi e da insigni studiosi e storici dell’arte italiani ed esteri. Si tratta dell’esposizione di circa 150 opere fra dipinti e sculture che illustrano il rapporto tra arte e follia attraverso i secoli.

Vittorio Sgarbi al Festival della Creatività: ‘Arte e follia, percorsi di genialità’

http://www.intoscana.it/intoscana/informarsi/primapagina.jsp?id_sottocategoria=1215&language=it&id_categoria=1214&id=195517&videoDaMostrare=78712#contentBody

Tre quarti d’ora di riflessioni serrate, di fronte ad un pubblico attento e partecipe in sala e numeroso anche nella diretta live di www.intoscana.it. Vittorio Sgarbi ha parlato del tema arte e follia, durante il live del Portale Ufficiale della Toscana. E’ stata l’occasione per parlare, seppure senza entrare approfonditamente nel merito dei contenuti, della mostra “Arte, genio e follia”, che si terrà a Siena dal 30 gennaio 2009, organizzata da Vernice Progetti Culturali in collaborazione con il Comune di Siena. Da Van Gogh all’Urlo di Munch, Sgarbi ha offerto le proprie riflessioni in merito alla follia che è genialià: “L’arte è lontana dalla normalità – ha detto – Eppure ci sono stati artisti folli che hanno realizzato dipinti di una normalità piatta e poco attraente. E, altri, invece, che sono riusciti ad esprimere la follia, o la paura della pazzia, che è dentro la gente. L’Urlo di Munch, in fondo – ha detto Sgarbi intervistato dal direttore di intoscana.it, Daniele Magrini – è la rappresentazione di ogni paura, di ogni angoscia”. Un’attenzione particolare è stata riservata da Sgarbi a Van Gogh. “E’ stato sfortunato a non aver usufruito in vita dei benefici delle valutazioni delle sue opere”. Sgarbi ha raccontato anche la triste vicenda di un miliardario giapponese che voleva essere seppellito con una testimonianza acclarata di arte: ”Aveva scelto Van Gogh – ha detto Sgarbi – pagando un dipinto 98 milioni di dollari, ma non gli hanno consentito di portarlo con sè”. Riflessioni sulla legge Basaglia, sull’arte “al di là delle sbarre dove vivono i cosiddetti non normali”; sui potenti del mondo “veri folli quando scatenano la guerra”, hanno caratterizzato la presenza di Sgarbi al Festival, che era accompagnato dall’amministratore delegato di Vernice Progetti Culturali, Marco Gualtieri, e da Enrico Toti, Curatore del Museo Santa Maria della Scala di Siena: “Uno spazio affascinante, che non ha eguali al mondo – ha detto Sgarbi – Le sue mura trasudano le testimonianze del dolore di chi ha usufruito per secoli di questo luogo come ospedale, e oggi l’arte trova qui humus ineguagliabile.
Vittorio Sgarbi, che ha concluso la serata al ristorante del padiglione DeGustibooks, si è soffermato a parlare con alcuni studenti universitari che hanno manifestato contro la riforma Gelmini, ed ha contribuito con una propria donazione alla colletta spontanea dei ragazzi.

http://www.intoscana.it/intoscana/resources/jw_flv_player/flvplayer.swfhttp://www.intoscana.it/intoscana/mediaviewer.jsp?tipologia=2&idmedia=78712&id_categoria=713&id_sottocategoria=&id=&tipologia1=Tutti&language=it

postato da: suburbia alle ore 27/10/2008 19:08 | Permalink | commenti
categoria:arte, follia, genio, siena, vittorio sgarbi

giovedì, ottobre 23, 2008
virt2.jpg Da una parte, questa forma di realtà virtuale, costituisce un processo psicologico di disincarnazione, in quanto rappresenta l’ultima promessa di abbandono del corpo obsoleto e di vivere gli spazi inabitati del datascape come un cyborg. Da questo punto di vista, la realtà virtuale è la manifestazione e la continuazione di un volo al di fuori del corpo che prende origini nell’invenzione della visione nella linea prospettica del XV secolo”. (Christiane Paul, Arte Digitale) Se l’arte contemporanea per molti è ancora una forma incomprensibile e di “genere” minore nella scaletta delle elevate espressioni artistiche dell’epoca moderna, certamente quando si tratta di arte virtuale si corre il rischio di scatenare l’ira degli inquisitori e provocare una vera e propria caccia alle streghe, tornando, nostalgici, a quell’era troubadour, paradossalmente oscurantista. museo_di_antropologia.jpgEppure tentare di capire le forme attuali dell’arte significa comprendere il gusto, l’estetica e i linguaggi dei nuovi media. Da una parte vi è il regno dell’immagine virtuale che necessita nuovi strumenti e supporti artistici e offre innumerevoli forme di espressioni e possibilità creative; dall’altra vi sono i social network che si fondono sul principio di un tipo di comunicazione mediata dal mezzo tecnologico, dalla scrittura e dalla rete internet. Rapporti e relazioni che s’instaurano tra una comunità d’individui registrati in una rete sociale. La mostra “Rinascimento Virtuale” coniuga queste due realtà: l’immagine virtuale e il social network, interrogandosi sul ruolo e sul significato che riveste questo nuovo tipo di relazionarsi, che culmina nel presentare il tipo di arte digitale che viene realizzata in seno ad uno dei più avanzati esempi di comunità di rete: Second Life (Sl).


“Rinascimento Virtuale”. A Firenze l’arte in Second Life e nei Virtual Worlds

mercoledì 22 ottobre 2008

http://www.fondazioneitaliani.it/index.php/Rinascimento-Virtuale-.-A-Firenze-l-arte-in-Second-Life-e-nei-Virtual-Worlds.html

postato da: suburbia alle ore 23/10/2008 10:41 | Permalink | commenti
categoria:arte, firenze, rinascimento, second life, social network, virtual worlds
mercoledì, ottobre 22, 2008
Rinascimento VirtualeRinascimento Virtuale

Da: FestivalCreativita
Aggiunto: 22 ottobre 2008

Inaugurazione di Rinascimento Virtuale

Il 21 ottobre, presso il Museo di Storia Naturale Sezione di Antropologia,
via del Proconsolo 12, Firenze si è inaugurata la mostra Rinascimento Virtuale, sull’arte in Second Life e nei virtual worlds.
La mostra resterà aperta fino al 6 Gennaio 09

http://www.intoscana.it/intoscana/viaggiare_in_toscana.jsp?id_categoria=12&id=194915&id_sottocategoria=37&language=it

Papper Box per il Rinascimento Virtuale

Papper Box per il Rinascimento VirtualePapper Box per il Rinascimento Virtuale

Spazio alla creatività! Costruisci sulla sabbia o nell’acqua e… consulta l’ OROSCOPO di CRASHINews! Sky Virtual Bar Camp e Torre di Non Controllo Sandbox By Papper Papp & Centro Mimir

postato da: suburbia alle ore 22/10/2008 12:56 | Permalink | commenti
categoria:firenze, virtuale, rinascimento, second life, virtual worlds, mario gerosa
martedì, ottobre 21, 2008

Rubrica CrashinArt N°2 a cura di Papper Papp

Paola Pandolfini

per

CRASHINEWS – Notizie da Second Life

Blog del Settimanale di informazione su Second Life

E’ online il TG di Crashinews con uno speciale dedicato a The Big Bang in Second Life.
Va considerato che siamo ancora in un’epoca pionieristica per quanto riguarda i video girati in SL, e più che l’immagine (che rende pochissimo, quasi niente) vale l’informazione. Tuttavia l’iniziativa di Papper Papp è lodevole. Un intero TG sugli avvenimenti del Metaverso è cosa mica da poco: bisogna trovare gli eventi, andare nei posti, girare il video, montarlo, scrivere il testo, editarlo ed infine pubblicarlo.
Un lavorone! che però ha il merito di fornire ai residenti notizie e curiosità per gestire meglio la “seconda vita” in world.

postato da MarinaBellini
tags: video, strumenti, second life

postato da: suburbia alle ore 21/10/2008 14:37 | Permalink | commenti
categoria:amore, arte, psiche, second life, marina bellini
lunedì, ottobre 20, 2008

Psicologia degli avatar: l’effetto Proteus

Pubblicato da Giulietta Capacchione il 19 Ottobre 2008, alle 18:21 in Cyber-psicologia

Come tutti sapete, gli ultimi sviluppi del web consentono di rappresentare sé stessi nel cyberspazio attraverso sofisticate immagini virtuali simil-umane chiamate avatar. Si pensi alla sofisticazione raggiunta in ambienti quali Second Life e World of Warcraft.
Alcuni cyberpsicologi si interrogano da qualche tempo sulla possibilità che l’avatar scelto possa avere qualche effetto sul comportamento che l’utente adotterà nell’ambiente virtuale nel quale agisce…

http://psicocafe.blogosfere.it/2008/10/psicologia-degli-avatar-leffetto-proteus.html

(Segnalato da Paola Pandolfini)

postato da: suburbia alle ore 20/10/2008 09:24 | Permalink | commenti
categoria:avatar, virtuale, virtual worlds, proteus, cyber-psicologia, giulietta capacchione
giovedì, ottobre 16, 2008
postato da: suburbia alle ore 16/10/2008 12:29 | Permalink | commenti
categoria:mantra
martedì, ottobre 14, 2008

“Il fatto che siamo contro la coercizione non implica l’abbandono delle persone sofferenti e delle loro famiglie a se stesse,
bensi’ l’utilizzare un modo diverso di affrontare le relazioni ed i conflitti umani che non implichi la squalifica individuale, la tortura della coercizione,e l’uso di quei veleni chiamati psicofarmaci.
Il nostro intento e’ di eliminare quindi la prassi quotidiana delle procedure psichiatriche che ledono i diritti umani fondamentali,quali ad esempio, la liberta’ di cura,ed un consenso informato. Le famiglie e l’utente devono essere messe al corrente in cosa consistono le procedure psichiatriche e quali sono relmente gli effetti degli psicofarmaci sull’organismo umano.

La solitudine della persona internata in manicomio e’ senza paragoni. Non e’ solo celle , spioncini e cortili. E nemmeno soltanto psicofarmaci e elettroshock. E’ invece isolamento assoluto di chi, al contrario di tutti gli altri internati di carcere o di lager, e’ considerato, sia pure arbitrariamente, senza pensiero, o, che e’ lo stesso, privo di un pensiero razionale o, come si dice, con un pensiero malato.

G. ANTONUCCI

http://www.nopsichiatria.com/

postato da: suburbia alle ore 14/10/2008 14:52 | Permalink | commenti (3)
categoria:antipsichiatria, psichiatria, giorgio antonucci, nopsichiatria
martedì, ottobre 14, 2008
Da: crashinews Aggiunto: 10 ottobre 2008

CrashinArt

Da: crashinews Aggiunto: 13 ottobre 2008

postato da: suburbia alle ore 14/10/2008 08:59 | Permalink | commenti
categoria:art , arte, second life, philip rosedale
sabato, ottobre 11, 2008

Bravi, bravi, bravi!!!!!

Che tempo che fa

11 – 12 ottobre 08

http://www.raidue.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,303%5E1080371,00.html

Beppino Englaro, Paolo Giordano, Paul Auster, Ivano Fossati, Antonio Caprarica

sabato
Beppino Englaro, è tutore e padre di Eluana, la ragazza che fu vittima, il 18 gennaio 1992 – quando aveva 22 anni – di un gravissimo incidente stradale e che da allora, e cioè da 16 anni e 9 mesi, è in stato di come vegetativo permanente; dopo le sentenze della Cassazione (ottobre 2007), della Corte d’Appello di Milano (luglio e ottobre 2008) ed al pronunciamento della Corte Costituzionale si è aperto un acceso dibattito; in Eluana, la libertà e la vita, il padre ricostruisce le tappe di questo incredibile calvario.
Paolo Giordano, laureato in Fisica delle interazioni fondamentali, titolare di un dottorato di ricerca in fisica delle particelle sta studiando le proprietà del quark bottom; col primo romanzo, La solitudine dei numeri primi, ha vinto il premio Strega 2008, vendendo quasi un milione di copie in Italia e i diritti di traduzione in ben 25 Paesi.

domenica
Paul Auster,  uno dei maggiori scrittori statunitensi, in un’inedita, rara ed esclusiva intervista televisiva racconta di sé e della sua scrittura; l’infanzia nel New Jersey, la giovinezza avventurosa e vagabonda, i primi libri di poesie scritti a Parigi e tanti romanzi e racconti, capolavori della letteratura contemporanea: Trilogia di New York, Follie di Brooklyn, Il paese delle ultime cose, Moon Palace, Il libro delle illusioni fino al nuovissimo Uomo nel buio.
Ivano Fossati, da La mia banda suona il rock a Mio fratello che guardi il mondo, dai Delirium alla grande canzone d’autore, un percorso che dai primi anni’ 70 lo porta ai riconoscimenti attuali; 23 album alle spalle, decine di collaborazioni con i maggiori artisti italiani ed internazionali, esegue dal vivo con la sua band, nello studio di chetempochefa, Il rimedio, singolo tratto dal sua nuova raccolta, Musica moderna.
Antonio Caprarica, giornalista, inviato speciale, corrispondente dalle maggiori capitali europee (Londra, Parigi), direttore di RadioUno e dei Giornali Radio Rai, completa la sua ‘trilogia europea’ pubblicando, dopo Dio ci salvi dagli inglesi e Com’è dolce Parigi… o no? il suo ultimo lavoro,  Gli italiani la sanno lunga… o no?

postato da: suburbia alle ore 11/10/2008 21:58 | Permalink | commenti
categoria:maurizio milani, tv , rai 3, luciana littizzetto, fabio fazio, filippa lagerback
sabato, ottobre 11, 2008

Caffe Freud in Love

I falled in love. Yes. Who’s laughing Rolling Eyes Evil or Very Mad ?
So tomorrow I want to tell you how I’m happy having met each of you at Caffe Freud, since its beguin, August 2007, because each of you has a very special part, sharing so much between us.

At 9am, 9amSLT in Elegua, Second Life

Caffe Freud at Elegua, SLCaffe Freud at Elegua, SL
postato da: suburbia alle ore 11/10/2008 21:50 | Permalink | commenti
categoria:amore, love, sentimenti, emozioni, second life, caffe freud
mercoledì, ottobre 08, 2008

SLcamp 2.0 sara’ a Firenze sabato 25 ottobre 2008

Dalle stelle alle stalle? Second Life è morto?

Dopo il boom euforico che i media hanno alimentato attirando l’attenzione su Second Life oggi il silenzio.
Second Life è morto?
Mi ritorna in mente l’immediato periodo dopo la bolla speculativa della New Economy agli inizi degli anni 2000 dove la domanda era Internet è morto?
In effetti internet dei miracoli era morto, stava iniziando internet dove i risultati si ottengono solo con progetti concreti a medio-lungo termine, con il lavoro quotidiano e il sudore della fronte.
Poi è finalmente arrivato internet 2.0.
Forse arriverà Second Life 2.0, sicuramente è iniziato il periodo dove i risultati in Second Life si ottengono solo con progetti concret i a medio-lungo termine, con il lavoro quotidiano e il sudore della fronte.

SL Camp 2.0 – Un incontro tra amici dove tutti i partecipanti devono dare il proprio apporto con una presenza attiva, facendo conoscere il proprio punto di vista.
Alcuni dei principali esponenti Second Life sono già iscritti: David Orban, Davide Borra, (forse Mario Gerosa), Simone Riccardi, Stefano Lazzari, Papper Papp, Max Ramaciotti, …

Info http://www.slcamp.info/
Iscrizioni http://barcamp.org/SecondLifeCampItaly

postato da: suburbia alle ore 08/10/2008 18:08 | Permalink | commenti
categoria:arte, firenze, second life, barcamp, mario gerosa
sabato, ottobre 04, 2008

What is Panic? Is it Virtual? Have you never experienced it in Real Life? and in Second Life? Is it a ‘disorder’? a ‘disease’? Or, as Laing and many others argued, are we in front of ‘valid descriptions of lived experience or reality rather than as symptoms of some separate or underlying disorder’ as from Wikipedia ? (http://en.wikipedia.org/wiki/R._D._Laing, http://it.wikipedia.org/wiki/Ronald_LaingIl cogito ferito di R.D. Laing e la crisi della conoscenza scientifica del soggetto nel ‘900, di Roberta Calandra, Zephyro (2006))

We meet on Sunday, October 5, 2008, at 9amSLT in Elegua, Second Life

Caffe Freud at Elegua, SLCaffe Freud at Elegua, SL
postato da: suburbia alle ore 04/10/2008 18:36 | Permalink | commenti
categoria:panic, second life, caffe freud, panic attacks, donald laing, roberta calandra
sabato, ottobre 04, 2008

CrashinTeamAtWork

http://slurl.com/secondlife/Underfoot/244/121/27

(da CRASHINEWS, Notizie da Second Life)

Presentazione di “Rinascimento Virtuale: l’Arte in Second Life e nei Virtual Worlds”

Conferenza stampa di presentazione della mostra che si terrà dal 21 ottobre al 7 gennaio 2009 presso il Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze

(parte prima)

http://www.intoscana.it/intoscana/resources/jw_flv_player/flvplayer.swf

(parte seconda)

http://www.intoscana.it/intoscana/resources/jw_flv_player/flvplayer.swf

E’ interessante notare come uno degli intervistati, dal nome imponunciabile (tanto da sentirsi in dovere di farne lo spelling) fino a poche settimane fa fosse tra coloro che consideravano fessi tutti i frequentatori di Second Life e dei Mondi Virtuali, al punto di proclamare ai quattro venti la prossima chiusura addirittura del suo blog, e la cancellazione del proprio account di Second Life :-D

E ora attinge a piene mani alle immense potenzialità di Second Life riaffermando ad ogni occasione l’assoluta originalità dei suoi contributi al social network, tranne perdere volutamente per strada chi ha dato credito alle sue visioni, e alla sua autenticità, sostenendo i suoi voli pindarici. Ma sarà poi vero che Repetita Juvant ? O è pura coazione a ripetere ? Tradire la fiducia degli amici e tentare di tagliar loro le ali, quando le proprie son fatte di molle cera, non è nemmeno narcisistico, per chi conosce il pensiero di Nietzsche, è solo controproducente, e anche un po’ autolesionistico. Ma tant’è…

Niente di nuovo sotto il sole. Anzi di neu … Verrebbe da dire: Ma che pallen!

Meno male che ci resta il Pappismo, e CrashiNews !!!

Da: PapperPappPhotos Aggiunto: 20 luglio 2008

Second Life Milano Vera 19 luglio 08

per il compleanno di
Italia Vera PapperPappPhotos
Omaggio a Basil Coage

postato da: suburbia alle ore 04/10/2008 08:26 | Permalink | commenti
categoria:arte, firenze, second life, mario gerosa, asian lednev
giovedì, ottobre 02, 2008

Arte e Second Life al Festival della Creatività

Da: styleonsl Aggiunto: 30 ottobre 2007

Mostre d’arte in Second Life. Dal MOMA con Humlble Masterpieces su StyleMagazine ai nuovi talenti nati in SL
Max Ramaciotti (Second-Key.com)
Costanza Baldini (intoscana.it)
Paola Pandolfini (fotografa)

postato da: suburbia alle ore 02/10/2008 22:46 | Permalink | commenti
categoria:specchi, avatar, virtuale, rinascimento, second life
giovedì, ottobre 02, 2008

Paura amianto: informare i cittadini contro il panico

http://ilrestodelcarlino.ilsole24ore.com/bologna/2008/09/30/121982-paura_amianto_informare_cittadini_contro_panico.shtml

Alla vista di “operai con tute bianche e mascherine di protezione” la popolazione si allarma. L’assessore Zamboni: “Il comune farà un approfondimento con l’Ausl per verificare la comunicazione ai residenti e ai responsabili di siti sensibili”

Gli operatori Ausl al lavoro nella scuola Bologna, 30 settembre 2008 – L’amianto fa paura: basta vedere in azione “operai con tute bianche e mascherine di protezione sul volto” che questa sola “presenza puo’ allarmare la popolazione”. Per cui ora, Comune e Ausl proveranno a studiare il modo di non fare prendere spaventi ai cittadini, informandoli di più e meglio. Spaventi, peraltro pare abbastanza ricorrenti: solo la settimana scorsa “allarme e preoccupazione” si sono diffusi tra genitori e insegnanti di una scuola materna del quartiere Navile per la comparsa di un cartello che segnalava lavori di bonifica da amianto nell’edificio davanti alle aule. E che quindi consigliava alle maestre di tenere chiuse le imposte delle finestre.

Il caso lo ha segnalato alla Giunta Cofferati la consigliera comunale del Pd, Elisabetta Calari, chiedendo rassicurazioni. Gliele ha fornite l’assessore ai Lavori pubblici Maurizio Zamboni, garantendo che i lavori erano regolari e che gli alunni non hanno corso rischi: l’invito a chiudere le finestre non è una misura “strettamente necessaria ma l’opportunità, per chi lo desiderasse, di isolarsi ancora di più dai lavori”. Tuttavia, il caso segnalato da Calari, riconosce l’assessore “ha posto il problema della comunicazione tra gli operatori”, cioè chi esegue le bonifiche, e i responsabili di “siti sensibili” come scuole o ospedali. Dunque, spiega Zamboni, “servono strategie di comunicazione differenti rispetto a quelle normali”. Ragion per cui il Comune, farà “un approfondimento con l’Ausl per verificare preventivamente le modalità di comunicazione ai residenti e ai responsabili di siti sensibili” vicini a lavori per eliminare l’amianto.

E’ proprio Zamboni a riconoscere che l’avvistamento di “operai con tute bianche e mascherine di protezione sul volto” fa “allarmare la popolazione”. Fatto sta che l’assessore comunale alla Sanità, Giuseppe Paruolo, ha inviato (mercoledì scorso), una lettera al direttore del dipartimento di Sanità pubblica Fausto Francia per studiare la strategia di comunicazione “anti-spaventi”. Bisogna trovare un modo, dicono da Palazzo D’Accursio, per “comunicare ai cittadini che gli interventi” di rimozione dell’amianto, “avvengono con modalità concordate e con controlli appositi delle autorità”.

In realtà, non su tutto si riesce a vigilare. Nel caso della scuola materna al Navile, la tipologia dell’intervento di bonifica non richiedeva alcuna ispezione, ma l’Ausl i controlli li fa, solo che “lo standard, in rapporto alle forze disponibili, è di un cantiere su quattro” e i controlli vengono programmati “sulla base della rilevanza dei lavori”, spiega Zamboni.
Il Comune ipotizza, nel caso di rimozione di amianto vicino ai siti sensibili, di trasmettere “note informative” su ciò che sta accadendo ai responsabili delle strutture in modo da evitare, ad esempio, che i genitori degli alunni di una scuola imparino ciò che succede da un cartello che compare all’improvviso.

postato da: suburbia alle ore 02/10/2008 11:42 | Permalink | commenti
categoria:bologna, paranoia, attacchi di panico, torino, paura, panico, ansia, amianto, ambulanti, dap , social network
giovedì, ottobre 02, 2008

Sul tema ansia, panico, attacchi di panico, dap – disturbo di ansia e panico esistono innumerevoli siti web e forum, curati da professionisti o da persone che ne hanno una diretta esperienza.

Ne segnaliamo tre, di cui due italiani. Sono benvenute le segnalazioni di altri siti, forum, blog. Pannelli con i relativi siti web si trovano anche al Centro Mimir, in Second Life, e nella Grid Mimir Opensim, e ricordo che chi lo desidera potrà partecipare a incontri ad esso dedicati, ogni sera dalle ore 22:30 alle 23:30

Grid Mimir OpensimGrid Mimir Opensim

LIDAP ONLUS

Disturbi d'ansia, da agorafobia e da attacchi di panico
LIDAPLIDAP

InSeP

Insieme senza Paura: Ansia Panico Fobie
InSePInSeP

No More Panic

Panic, Anxiety, Phobias and Obsessive Compulsive Disorders (OCD)

No More PanicNo More Panic

Support Groups in Second Life

http://john-norris.net/2008/09/16/online-support-groups-introduction-to-virtual-worlds/

As for the most popular groups, here’s my top 5, based on membership
and what I could find with SL Search:

Support for Healing —  899 members.
Begun as an online forum for mental health issues in 2004, Support for
Healing added their own island in Second Life.  The group offers
several peer-to-peer meetings on different topics during the week.
www.supportforhealing.com

Transgender Resource Center — 845 members.
Providing support and resources for those looking into gender identity
issues, the TRC creates an environment so that people may better
address these issues in their own lives as well. sltrc.pbwiki.com

Wheelies — 565 members.
Wheelies is a disabilities themed nightclub in Second Life. The group
gets together for various dance parties at the club.
simonstevens.com/wcblog

Depression Support Group — 427 members.
Based on the online forum Support for Healing (see above) this group
is for those “suffering with depression, anxiety or related
illnesses.” They offer regular meetings and a place to visit.

Dream Travelers – 258 members.
Associated with the online forum BrainTalk, the Dream Travelers group
provides a safe, and highly creative space, for those dealing with
stroke as well as Asperger’s Syndrome.  They offer a sandbox in which
to build things within Second Life, and hold regular contests there.
They also host the annual Dreams Fair for health related non-profits
and others.  www.slstroke.com

postato da: suburbia alle ore 02/10/2008 10:30 | Permalink | commenti (2)
categoria:attacchi di panico, fobie, paura, panic, panico, ansia, second life, dap , grid mimir

mercoledì, ottobre 01, 2008
Sul numero di marzo 2008 di 2L-Italia fu pubblicato questo articolo-intervista (a firma di Papper Papp che in quell’occasione conobbe Neupaul Palen e successivamente iniziò una collaborazione nell’ambito di Second/Aria/Mente)…

leggiamo qui:

Repetita Iuvant: Articolo di 2L Italia su Second/Aria/Mente

mercoledì, 01 ottobre 2008

E anche:

Come è nato questo progetto?
«Second/Aria/Mente – risponde Neupaul – è nato esattamente come spesso nasce un’idea: attraverso un processo di lenta ma inesorabile definizione. Una messa a fuoco graduale. Trattandosi di un non-luogo trasposto di una mente non sarebbe potuto, forse, essere altrimenti. Ed anche per questo la metafora della mente ha assunto, nell’ambito dello sviluppo di questo progetto, un riievo sempre crescente. Punto focale di Second/Aria/Mente è la riflessione, altamente critica e ironica nel contempo, intorno all’arte nella sua valenza di strumento di conoscenza e, conseguentemente, di liberazione interiore».

E prosegue: «Noi, che oggi siamo diventati tutti dei Luther Blisset rovesciati, una sorta di collettività nominale ambulante, non possiamo evitare di fare i conti con il processo di disintegrazione della nostra identità che si realizza anche attraverso la crescente interattività dei cosiddetti nuovi media. Ecco quindi la totale centralità dei concetti di Identità, Libertà ed Arte in questo progetto. È la prosecuzione in 3D di vecchi sogni mai sopiti, sempre pronti a schizzare fuori dal cassetto. Il Sessantotto, La controcultura, il Punk, l’Anarchia, gli Einsturzende Neubauten (il cui logo è scelto come pianta della struttura di Second/ Aria/Mente), Martin che battezza le strade, la passione per tutto ciò che è alternativo realmente, cioè critico ed ironico innanzitutto verso se stesso. Second/Aria/Mente è un po’ tutto questo e nello stesso tempo un progetto assolutamente in divenire, condizione sine qua non per essere intrinsecamente vitale ed eccitante.”

Panic Attack – Rock Band 2 Expert Guitar 99%

Da: doopian Aggiunto: 10 settembre 2008

this is an IMPOSSIBLE song in the game. got this unlocked by doing a battle of the bands thing in bwt. so awesome!

check out http://www.myspace.com/proudgamer to find information about me at a later date

postato da: suburbia alle ore 01/10/2008 13:04 | Permalink | commenti
categoria:second life, social network, re7t blinker
mercoledì, ottobre 01, 2008

Oltre ad aver chiuso ufficialmente la lista dei Gridnauts, nel senso che chi c’era c’è, e chi non c’era cavoli suoi, come è scritto a chiare lettere qui Sept-30-2008, ora anche i Client di Second Life si rifiutano di entrare nelle grid!

Provare per credere!

Se per caso, o per accidente, avete scaricato il Client Second_Life_1-20-16-97603 (oppure la versione Release Candidate)

vi succederà di non riuscire ad entrare in nessuna grid opensim! O meglio, arriverete nell’unica e sola regione che avete scelto come Home, ma da lì non potrete muovervi :D

Non ci resta che…

Hippo OpenSim ViewerHippo OpenSim Viewer
postato da: suburbia alle ore 01/10/2008 12:28 | Permalink | commenti
categoria:second life, opensim

Lascia un commento